In auto come Stefano Accorsi

Oggi ho imparato che…Se una mattina ti svegli, esci di casa, ti metti in macchina e rimani imbottigliata nel traffico 2 ore (due!) mantenendo un inusuale atteggiamento zen che mollami, quando arriverai a destinazione realizzerai che tutti dovrebbero avere nel cassetto del cruscotto un ciak come quello di Stefano Accorsi. 

Giusto da tirare fuori all’occorrenza. Magari prima di un parcheggio. 

O prima di una sequela di insulti a chi a deciso di chiudere la corsia di immissione principale in una rotonda nel centro della città senza offrire un’alternativa credibile.

Annunci