[The story of my life. Ecco]

Un giorno per caso ti svegli, ti lavi, ti vesti, ti trucchi, fai colazione e ti metti in macchina per andare in ufficio. E al secondo chilometro di coda dopo la barriera di Milano, incastrata fra i camion cominci a sentire una strana e irrefrenabile voglia di musica ignorante. Scorri la playlist sul tuo iphone e metti “The Story of My Life” dei One Direction in loop. E canti in modalità “fino alla fine del mondo” chiedendoti con un sorriso cretino stampato sulla faccia: “ma sono malata o sono solo diventata piuggiovane?”. Ma non troverai una risposta.

Un giorno per caso, mentre stai leggendo il giornale e sei seduta davanti alla televisione accesa, noti in video una tizia che conosci, una che per qualche anno in passato avevi considerato una rivale e che ti faceva venire l’orticaria ogni volta che ne sentivi parlare. Sei sorpresa che sia addirittura in tv, ma evidentemente era davvero una con i numeri e non la sciacquetta che ricordavi ma che faceva perdere la testa a diverse persone di tua conoscenza. Nel video si presenta e mette in mostra tutto quello che da sempre ti dicono siano i suoi punti di forza e le sue migliori doti e, osservandola con attenzione, realizzi che proprio in quelle cose in cui avevano cercato di farti credere fosse “super”, alla fine, tanto super non era. Anzi, era proprio una schifezza! E poi… ti svegli e realizzi che era solo un sogno. Un ‘sogno demolitore’, mannaggia, ma solo un sogno!

Se un giorno per caso mentre stai navigando per trovare un’informazione, un’amica ti indirizza sulla pagina FB di Cavezzali e rimani colpita da una delle sue vignette che dice che ”ci sono incubi che si svegliano la mattina e che ti chiedono se è pronto il caffè”, e poi vieni richiamata dal suono di una email in arrivo e scopri che è la DEM di una veggente che ti scrive
“Durante la notte ho ricevuto degli impulsi considerevoli che, svegliandomi, mi hanno proiettato delle visioni talmente chiare ed eclatanti che bisogna assolutamente che io gliene parli al più presto! E’ necessario che lei sappia ciò che l’aspetta!”. Ecco, a questo punto realizzerai definitivamente che il mondo è impazzito, che la comunicazione è impazzita, ma soprattutto che i sogni (anche quelli degli altri, non solo i tuoi) sono impazziti!

20140916-182536.jpg

[Non sono autoreggenti, stai tranquillo!]

Un lunedì mattina per caso ti svegli e realizzi che bastano 6 Km di corsa in compagnia di un’amica con la gamba lunga che ti costringe a trottare il sabato mattina per migliorare il tuo umore, ma se il giorno dopo aggiungi alla seduta di running del week end a sorpresa la Strabergamo, una camminata di 12 km su e giù per i colli di Bergamo a velocità sostenuta in uno slalom continuo tra 8730 persone, be’ è certo che per qualche giorno anche tutte le tue preoccupazioni improvvisamente svaniranno.
E il lunedì mattina realizzerai che alla tua età e la tua gambetta corta, dopo certi sforzi tutte le tue preoccupazioni svaniranno perché non hai più la forza per preoccuparti di niente. Quello che vuoi è solo svenire per la stanchezza o addormentarti abbracciando il volante con la testa appoggiata dolcemente sul clacson, la bocca aperta e la bolla al naso.

Se una mattina ti svegli, ti alzi, ti lavi, ti vesti e ti trucchi e ti metti in macchina per andare in ufficio con tutta la buona volontà dal mondo cercando di non essere insofferente nei confronti di chi ti guida nella corsia accanto, realizzerai che devi metterti il cuore in pace, ma è praticamente impossibile.
Soprattutto se più di un camionista si affianca pericolosamente col suo bisonte alla tua supercar e guarda le tue gambe con insistenza senza capire che quello che vede non è il pizzo delle calze autoreggenti (che di mattina non indosseresti mai) ma l’orlo della gonna.
Per non parlare del fatto che quando finalmente lo sorpassi non la smette di suonare il clacson!
E realizzerai che guidare in autostrada il lunedì mattina con un camionista eccitato affianco e una stanchezza pazzesca addosso è proprio un bell’inizio di settimana!

[La sentinella del traffico]

Un giorno per caso ti svegli, ti lavi, ti vesti ti trucchi fai colazione saluti il mezzo26enne che è ancora in vacanza e ti metti in macchina per andare in ufficio. E mentre sei sulla A4 puoi ricevere la prima telefonata di un amico che ti chiede se nel tratto Milano-Brescia ci sono distributori Shell o Total perché deve fare benzina e ha solo i voucher e non la scheda carburante. Farai mente locale, ma proprio non te lo ricordi e per aiutarlo andrai su google e gli darai l’informazione.

Un giorno per caso ti svegli, ti lavi, ti vesti, ti trucchi, fai colazione, saluti il mezzo26enne che è ancora a letto perché la scuola non è ricominciata , e ti metti in macchina per andare in ufficio. E mentre sei sulla A4 puoi ricevere la seconda telefonata della giornata da un’amica che ti chiede se c’è un incidente dopo Capriate verso Milano perché è in coda e ha fretta e vuole sapere se uscire a Trezzo e andare ad Agrate per strade normali. La rassicurerai e le spiegherai che è tutto ok e sono i normali rallentamenti sul ponte di Trezzo di chi guarda giù per vedere il ristorante sul fiume Adda.

Un giorno per caso ti svegli, ti lavi, ti vesti, ti trucchi, fai colazione, saluti il mezzo26enne che è ancora a letto perché la scuola non è ricominciata, e ti metti in macchina per andare in ufficio. E mentre sei sulla A4 puoi ricevere la terza telefonata della giornata da un amico che sta percorrendo l’autostrada in senso inverso al tuo e che è allarmato perchè non vede nessuna (ma proprio nessuna) auto nell’altra corsia e vuole sapere se è tutto ok. E tu dovrai spiegargli che siete tutti dietro una safety car della polizia autostradale che procede a passo d’uomo con la bandiera fuori dal finestrino e la scritta RALLENTARE sul tetto. E quando ti chiederà perché, realizzerai che non solo non lo sai, ma anche che è la terza telefonata che ricevi in qualità di esperta di viaggi in autostrada e nessuna per sapere come stai. È evidente che il tuo posizionamento ha preso una piega divergente da quella solita.
Ma intanto sei arrivata e puoi spegnere la scritta ‘Sentinella del Traffico’ che hai sul tetto della tua Supercar!

20140910-204244.jpg

[Devi stare molto calma]

Una mattina per caso ti svegli e ti metti in macchina per andare in ufficio e dopo 5km di rallentamenti inspiegabili realizzi che vorresti avere le incrollabili certezze di quelli che vanno a 60 all’ora in 2° corsia in autostrada e vengono superati a destra e a sinistra. Ma non le hai. E così speri che qualcuno spieghi loro con dolcezza il significato di ‘veicoli lenti a destra’ perché se fosse per te li prenderesti per le orecchie scuotendogli la testa come un’anfora e urlandogli a 6 cm dal naso che CHI VA PIANO DEVE STARE A DESTRA. Ma solo finchè non capiscono.

Una mattina per caso ti svegli e ti metti in macchina per andare in ufficio e mentre sei in coda al casello ti guardi un po’ intorno, negli abitacoli delle altre auto, così per passare il tempo, realizzi che ci sono uomini che hanno proprio un gran da fare con quei nasi e con quelle dita. E ricordando un famoso detto nerdologico che recita che ‘Esiste un’App per ogni cosa’, ti chiederai se esiste una App per monitorare l’andamento di questo genere di scavi… E se, visto l’impegno, varrà pure come esercizio fisico? Ma Runkeeper non ne parla: evidentemente il dispendio di energie è limitato.

20140903-220656.jpg

[Le quattroruote che non ti aspetti]

Una sera per caso, prima di cena, in hotel senti un gruppo di uomini parlare delle loro nuovissime quattroruote. Sono un bel gruppetto, tutti abbastanza giovani e, a quanto pare, appassionati di auto. La cosa non ti stupisce, in fondo siamo nella patria dei motori, a due passi dal circuito di Misano, dove a settembre si sfideranno in pista i beniamini del Moto GP.
Sono in piedi, in cerchio, qualcuno ha in braccio il figlio di pochi mesi, e si aggiornano con foga sugli ‘ultimi modelli’: in carbonio, bicolori, maneggevoli, leggerissimi, ci puoi andare ovunque!
È difficile capire di quale modello di quattroruote stiano discutendo, ma pare che se la intendano benissimo. Che stiano parlando di qualche nuovo SUV? In effetti hanno tutti famiglie numerose e i SUV, per quanto costosi, sono diventati le auto per le famiglie numerose…

Ma le ruote…
– Già, sono un problema… Non tutte vanno bene a quanto pare. Meglio quelle grosse, anche se costano un po’ e sono scomode.

Un paio di loro, i più sportivi, si lamentano che non vanno come dovrebbero, soprattutto in spiaggia e sullo sterrato. La sera le devono bagnare altrimenti il giorno dopo scricchiolano e fanno un rumore fastidioso ‘che sveglia il bambino’.
In effetti queste grosse auto non sembrano tagliate per una vita così avventurosa come le dune di sabbia di Misano Adriatico (!) e gli sterrati di Val Conca (!!), ma il rumorino fastidioso, no, proprio non te lo aspetteresti; e con quello che costano, poi!
Il costo era un punto a sfavore quando dovevamo decidere, ma mia moglie è stata irremovibile. L’aveva provato con una sua amica e ha voluto assolutamente quello. Freno, ammortizzatori, stabilità: diceva che erano insuperabili e io mi sono fidato. Aveva ragione. Pensa che abbiamo dovuto prenotarlo con 2 mesi di anticipo. È arrivato appena in tempo!
Qualcuno si lamenta che col terzo figlio per cambiarlo ci ha lasciato giù un rene!
Ma ora siamo contenti. Peccato che non ci fosse anche con gli altri due.
Sei sorpresa di questi outing e soprattutto di questa nuova influenza femminile nella scelta del SUV. Di solito la donna si limita a una supervisione economica, con qualche commento sulla linea o sul colore, ma sentire uomini che prendono indicazioni così tecniche dalla moglie ti stupisce positivamente.
– Dovrebbero mettergli dei sistemi di allarme con quello che costano. L’anno scorso me l’hanno praticamente rubato sotto il naso.
Ma come, i SUV non hanno gli antifurti??
Uno del gruppo si lamenta infatti che l’anno prima l’aveva parcheggiato fuori dal ristorante sulla spiaggia e che quando era tornato non l’aveva più trovato. E il casino non era solo stato il costo, ma anche che c’erano dentro tutti i ciucci del figlio, quelli che usava per dormire e il piccolo non aveva smesso di piangere un attimo, finchè non erano tornati a casa a recuperare il ciuccio di scorta. Un vero dramma!
Ecco che cominciano a venir fuori le cose negative:
– Saranno anche spaziali, ma i freni… in discesa bisogna stare attenti.

Davvero??? A quanto pare si. Uno del gruppo inizia a raccontare di un’esperienza terribile con i freni mentre l’aveva lasciato in discesa. Il figlio non si sa come era riuscito a togliere il freno di stazionamento e il bolide aveva cominciato a muoversi e l’avevano ripreso in tempo altrimenti chissà cosa sarebbe potuto succedere.
E dal problema delle ruote che cigolano se non le lavi la sera, al costo proibitivo, al pericolo di un furto sempre in agguato, al freno non a prova di bambino, ti verrebbe da chiedergli perchè diavolo continuano a comprare quegli aggeggi?!
Ma ecco che subito compare una delle mogli chiedendo:
Pensavo di andare a fare un giro. Dove lo hai parcheggiato?
E lui:
Nel corridoio vicino alla sala colazione?
Sala colazione???
Non l’ho visto
Ma si, dai! È vicino a tutti gli altri.
Un SUV parcheggiato vicino alla sala colazione?? Insieme a tutti gli altri? A Misano? All’Hotel Savoia???
Giri l’angolo incuriosita e capisci tutto: 23 passeggini spaziali di tutte le dimensioni e colori stazionano nel corridoio che porta alla sala delle colazioni. Altro che SUV!
Ci sono momenti della vita in cui quattroruote hanno diversi significati. Anche quelli che non ti aspetti.

20140819-194813.jpg

[La vita è una questione d’incastri]

Un giorno x caso, mentre sei in macchina verso il mare, in autostrada inchiodata a Bologna da una coda chilometrica, sotto il sole cocente che ti sembra impossibile, ripensando a tutte le operazioni per chiudere i bagagli, caricarli in macchina e partire, realizzerai che due cose nella vita segnano sempre un grande cambiamento:
1) Fare le valigie.
2) Disfare le valigie.
E poi ci sono le donne che non hanno di questi problemi. Tipo chi monta direttamente le ruote all’armadio, lo fa caricare non si sa come in macchina insieme ad altre due valigie un po’ più umane, due borse, un pc, un minitelevisore da auto, una citybike e una mountainbike… E che, all’arrivo, se è andato tutto bene e nulla si è mosso durante il viaggio, fa una foto con l’iphone per ricordare gli incastri. Non si sa mai…
#lavitaeunaquestionediincastri e #raffiegoestothesea

20140810-075001.jpg

[Non ci sono più i parcheggi di una volta]

Una sera x caso, mentre sei in macchina, piove che Dio la manda e stai cercando da 19 minuti (19) un caxxo di parcheggio x raggiungere le tue amiche, realizzerai definitivamente che NON ci sono più i parcheggi di una volta. 20140625-073449.jpgNemmeno a pagamento. Per come sei in ritardo ora, ti accontenteresti anche di un posto rubato tra i parcheggi per i residenti. O di un marciapiedi. O di un’aiuola. O di un passaggio pedonale. Anche dello spazio davanti a una pensilina del pullman. Addirittura di un passo carraio davanti ad un cantiere. Niente. Non c’è più posto x le auto.

‘Però c’è il nuovo bosco intorno al monumento equestre a Vittorio Emanuele II sul sagrato del Duomo’ ti ripeterai con tutto l’odio del mondo vergognandoti subito dopo perché sai in cuor tuo che tu non sei così: questa considerazione non politically correct è colpa della pioggia e della disperazione. Tu sei contenta che in Piazza del Duomo presto ci saranno fiori e orti ad abbellire il sagrato in vista dell’EXPO 2015, ma senza auto x una donna che non vive in centro e non vuole spendere un patrimonio in taxi è impossibile arrivare a destinazione e senza parcheggio è impossibile scendere dalla macchina…
Inoltre, realizzerai che se l’Italia avesse vinto ora sarebbero tutti fuori a festeggiare e un posto l’avresti trovato. E invece no. L’Italia è fuori dai mondiali e sono tutti a casa a piangere. Per questo i minuti alla ricerca del parcheggio ormai sono 27!
Vabbè, hai capito: da domani chiacchierata serale con le amiche solo via Skype!

 

 

La Ratera, Tripadvisor non mente

– Una sera x caso mentre sei in auto e devi andare a una cena con 7 splendide donne, realizzerai che scegliere un ristorante a pochi passi dallo Stadio Meazza quando c’è il concerto di Ligabue e arrivare in orario sono due fatti inconciliabili. Ma quando arrivi davanti al ristorante e le tue amiche ti stanno tenendo il posto nel parcheggio, realizzerai che il concetto di fortuna è top.
– Una sera x caso a una cena tra donne, è possibile ordinare 5 piatti di spaghetti allo scoglio, chiacchierare fitto fitto per recuperare anni di ricordi, finire tutto il pane, i grissini e l’aperitivo, chiedersi impazienti quanto ci vuole x 5 piatti di spaghetti allo scoglio, guardarsi intorno con i primi sintomi di autodigerimento, fare il conto dei tavoli arrivati prima, realizzare che nessuno sta mangiando, cominciare a disperarsi… Poi, dopo tre quarti d’ora, finalmente scorgere il cameriere giovane con tre piatti di spaghetti in mano, sperare che siano quelli del tuo tavolo, sfidare con lo sguardo tutti gli altri tavoli, seguire speranzose il cameriere mentre si avvicina, fare spazio sul tavolo x accogliere i piatti, sorridere pregustando la prima forchettata e rimanere di stucco mentre il ragazzo chiede di chi sono i 5 spaghetti allo scoglio, perde l’equilibrio e si rovescia 2 (dico due) piatti di spaghetti addosso che dai pantaloni finiscono per terra. Sospirare e decidere che il cameriere vince il premio della serata. Ecco.
– Una sera x caso a una cena tra donne, mentre si aspettano i nuovi piatti di spaghetti allo scoglio e che qualcuno che raccolga quelli finiti per terra, puoi trascorrere il tempo con le tue amiche facendo una sagace disamina sugli uomini potenzialmente interessanti e su quelli potenzialmente interessati alle quarantenni. E, dopo aver infierito senza remore sulla categoria dei maschi tra i quaranta e i cinquanta, decidere che il problema non è tanto che non ci siano più gli uomini di un tempo, il problema è trovare quelli che riescano a resistere tutta la partita. Visto che siamo pericolosamente vicine ai Mondiali…

20140621-170017.jpg

Il telefono (fisso) che ti salva la vita

– Una mattina x caso ti svegli di soprassalto e realizzi che per prevenire il rischio di infarto bisognerebbe cominciare con l’eliminazione della sveglia all’alba e degli appuntamenti alle 9 dall’altra parte del mondo, quelli che devi uscire almeno 3 ore prima per non arrivare in ritardo, che non non ce la puoi fare, e che la Tangenziale è sempre bloccata, porca paletta!

– Una mattina x caso, sei in ritardo e devi assolutamente uscire entro pochi minuti o la tua tabella di marcia andrà a farsi friggere, e realizzi finalmente che non è assolutamente vero che il telefono fisso non serve più a niente, soprattutto se è la prima cosa che prendi in mano quando non riesci più a trovare il cellulare, devi uscire e sei in ritardo.

Un parafulmine per l’amore, no?!

– Se una sera x caso, a Milano in macchina, dopo aver parcheggiato sotto un albero, al tuo ritorno hai trovato il vetro pieno di deiezioni (cacche) di uccello, capirai finalmente il fondamentale ruolo parasociale dei lavavetri e l’inutilità assoluta delle rose rosse rinsecchite vendute ai semafori.
– Una sera x caso a un aperitivo milanese con le tue amiche venite sorprese da un temporale, mentre vi rifugiate in macchina e aspettate che il diluvio si quieti, realizzerete che se anche per le persone ci fossero i tuoni ad annunciare la tempesta, sarebbe più facile mettersi al riparo.
– Una sera x caso a un aperitivo milanese con le tue amiche realizzerai che nonostante milioni di neuroni, migliaia di connessioni, centinaia di chilometri di fibre nervose, ci sarà sempre qualcuna che si chiederà ‘Ma esiste un modo per scoprire se il tizio che mi piace entra nel mio profilo fb?’

Continua a leggere “Un parafulmine per l’amore, no?!”